Caritas

La Caritas parrocchiale è l'organismo pastorale istituito per animare la parrocchia, con l'obiettivo di aiutare tutti a vivere la testimonianza, non solo come fatto privato, ma come esperienza comunitaria, costitutiva della Chiesa. L’idea stessa di Caritas parrocchiale esige, pertanto, una parrocchia "comunità di fede, preghiera e amore". Questo non significa che non può esserci Caritas dove non c’è "comunità", ma si tratta piuttosto di investire, le poche o tante energie della Caritas parrocchiale nella costruzione della "comunità di fede, preghiera e amore". Come se la testimonianza comunitaria della carità fosse insieme la meta da raggiungere e il mezzo, (o almeno uno dei mezzi), per costruire la comunione. Un esercizio da praticare costantemente.

Cosa ci si aspetta dalla Caritas parrocchiale?

Ogni parrocchia, che è volto della Chiesa, concretizza la propria missione attorno

  1. all’annuncio della parola
  2. alla celebrazione della grazia
  3. alla testimonianza dell’amore

È esperienza comune che ci siano, in parrocchia, una o più persone che affiancano il parroco nella cura e nella realizzazione di queste tre dimensioni. Sono gli "operatori" pastorali, coloro che "fanno" (opera) concretamente qualcosa. Dopo il Concilio Vaticano II, la pastorale si arricchisce di una nuova figura: colui che "fa perché altri facciano", o meglio, "fa, per mettere altri nelle condizioni di fare". È "l'animatore pastorale".
La Caritas parrocchiale, presieduta dal parroco, è costituita da figure di questo tipo: un gruppo di persone (ma nelle piccole comunità può trattarsi anche di una sola persona) che aiuta il parroco sul piano dell'animazione alla testimonianza della carità più che su quello operativo di servizio ai poveri. L’obiettivo principale è partire da fatti concreti – bisogni, risorse, emergenze – e realizzare percorsi educativi finalizzati al cambiamento concreto negli stili di vita ordinari dei singoli e delle comunità/gruppi, in ambito ecclesiale e civile (animazione).

Come lavorare per un così alto obiettivo?

L'esperienza e la riflessione avviata negli ultimi anni portano a definire alcuni elementi cardine su cui fondare il lavoro di ogni caritas anche in parrocchia:

  • la definizione dei destinatari/protagonisti del servizio di animazione: i poveri, la Chiesa e il territorio/mondo
  • un metodo di lavoro basato sull'ascolto, sull’osservazione e sul discernimento, finalizzati all’animazione
  • la capacità di individuare, tra tutte le azioni possibili, quelle in grado di collegare emergenza e quotidianità, cioè di intervenire nell’immediato e portare ad un cambiamento nel futuro
  • la scelta di costruire e proporre percorsi educativi, in grado di incidere concretamente nella vita delle persone e delle comunità

Centrare sull'animazione e sul metodo pastorale il mandato della Caritas, ridimensionando le aspettative sul piano operativo, svincola la possibilità di costituire l’organismo pastorale dalle dimensioni e dalla situazione della parrocchia. In ogni contesto, infatti, seppure con modalità diverse, è possibile promuovere la cura delle relazioni, la conoscenza del contesto, la possibilità di scegliere insieme come agire, alla luce della missione della Chiesa nel mondo (da: www.caritasitaliana.it )

Anche nella nostra Valle si sta attivando u n gruppetto di persone sensibili, di diversa estrazione culturale e sociale, per cercare di mettere in pratica queste indicazioni. Due soprattutto le prospettive prese in considerazione:

  1. un monitoraggio dei bisogni sul territorio, in collegamento con le diverse istituzioni locali
  2. un aggiornamento continuo sul fenomeno migratorio, che interpella le comunità cristiane a diversi livelli

Avvisi

Giornata vocazioni 2018: intervista a Don Michele Gianola, direttore dell'Ufficio nazionale Cei per le vocazioni

Giornata vocazioni 2018: intervista a Don Michele Gianola, direttore dell'Ufficio nazionale Cei per le vocazioni

In occasione della Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni che si celebra oggi in tutto il mondo rilanciamo dal Settimanale della diocesi che a sua volta rilancia l’intervista rilasciata all’Agenzia Sir dal “nostro”  don Michele Gianola, da pochi mesi direttore dell’Ufficio nazionale Cei per la pastorale delle vocazioni.
Categoria: Leggi tutto
21 apr
Domenica 22 aprile l''Assemblea diocesana di Azione cattolica sul tema della comunicazione intergenerazionale

Domenica 22 aprile l''Assemblea diocesana di Azione cattolica sul tema della comunicazione intergenerazionale

Si terrà domenica 22 aprile presso il Collegio Gallio (dalle 9 alle 16.30) l’assemblea diocesana dell'Azione cattolica di Como. “Ti ascolto e ti racconto”: a tema è il dialogo tra generazioni nel tempo della comunicazione digitale. Una riflessione e un’esperienza che non sono nuovi per l'Ac ma che esigono un aggiornamento culturale ed educativo. L’assemblea si aprirà con l’intervento di Sonia Monticelli, psicologa e psicoterapeuta. I partecipanti – adolescenti, giovani adulti e anziani – continueranno i lavori nei tavoli intergenerazionali. Alle ore 12.30 la celebrazione della Messa e nel pomeriggio l'intervento del vescovo Oscar con una riflessione conclusiva.
Categoria: Leggi tutto
21 apr
Preghiera per il lavoro 2018 con il vescovo a Sondrio

Preghiera per il lavoro 2018 con il vescovo a Sondrio

La Preghiera per il lavoro 2018 dal tema "CRESCEVA IN SAPIENZA, ETA’ E GRAZIA. Il lavoro libero, creativo, partecipativo, solidale forma nuovi cittadini e nuovi cristiani" sarà presieduta dal Vescovo Oscar Cantoni giovedì 26 aprile alle 20.30 presso il Polo di Formazione Professionale Valtellina in via Besta, 3 a Sondrio. Animeranno i canti alcuni componenti delle corali della Valmalenco.

Categoria: Leggi tutto
14 apr
Mostra su don Giovanni Gatti a Mandello del Lario

Mostra su don Giovanni Gatti a Mandello del Lario

L'Archivio Comunale Memoria Locale di Mandello del Lario organizza dal 21 aprile al 1 maggio 2018 l'esposizione di una mostra sulla figura di don Giovanni Gatti, originario della città lariana e indimenticato parroco di Caspoggio. La mostra riunisce e mette in relazione i materiali archivistici presenti soprattutto negli archivi parrocchiali di Mandello S. Cuore e di Caspoggio (in particolare quelli raccolti per il convegno del 2008) ed è particolarmente ricca di fonti testuali e fotografiche. La mostra sarà inaugurata sabato 21 aprile e introdotta da una serata di presentazione della figura di don Gatti venerdì 20 aprile. La mostra verrà esposta nel periodo estivo presso il salone dell'Immacolata a Caspoggio.
Categoria: Leggi tutto
14 apr
“Giovani e fede” con Azione Cattolica a Sondrio

“Giovani e fede” con Azione Cattolica a Sondrio

Azione cattolica "Associazione Nicolò Rusca" di Sondrio, martedì 17 Aprile, terrà un incontro  presso il cinema Excelsior  alle ore 21 sul tema "Giovani e fede". Relatrice della serata  Paola Bignardi,  pedagogista ed ex presidente nazionale di Azione Cattolica.
Categoria: Leggi tutto
8 apr
Incontro sul beato Teresio Olivelli - 6 aprile

Incontro sul beato Teresio Olivelli - 6 aprile

Venerdì 6 aprile, alle 20.45, nella sala Vitali del Credito Valtellinese, monsignor Paolo Rizzi, postulatore della causa di beatificazione, dialogherà sulla figura di Teresio Olivelli “Un fedele laico di Ac, un giovane martire”.
Categoria: Leggi tutto
1 apr
Il Vangelo di Marco con sr. Giuseppina - 4, 11 e 18 aprile 2018

Il Vangelo di Marco con sr. Giuseppina - 4, 11 e 18 aprile 2018

3 incontri per conoscere il VANGELO DI MARCO guidati da sr. Giuseppina Donati (Suora della Santa Croce). 4, 11 e 18 aprile 2018 dalle 21 nella Sala Santa Croce (in via Battisti a Sondrio).

Categoria: Leggi tutto
1 apr
Sinodo diocesano: Il logo

Sinodo diocesano: Il logo

E' disponibile sul web il sito del prossimo Sinodo diocesano, all'indirizzo sinodo.diocesidicomo.it/. Ne approfittiamo per riportare alcune informazioni utili per prepararci, seguire la preparazione, essere partecipi.

Categoria: Leggi tutto
17 mar
Insieme contro l'azzardo

Insieme contro l'azzardo

In provincia di Sondrio nel 2016 sono stati giocati 306 milioni di euro con una spesa pro capite di 1698 euro. Duecentrotrentaquattro milioni, il 76% è finito nelle macchinette: slot machine e videolottery. Ne abbiamo 613. Una ogni 116 abitanti. Segnaliamo, all'interno del progetto INSIEME CONTRO L'AZZARDO, il servizio di ascolto, orientamento, counselling, supporto con numero dedicato e possibilità di incontri di confronto fra giocatori a rischio o patologici.
Categoria: Leggi tutto
10 mar